Trattamento Anticorrosivo e Antibatterico su Circuito di raffreddamento in Azienda Meccanica Cafro srl

Azienda meccanica – Produzione mole abrasive – HYDROFLOW I60- I100

DATA: 01 – 2016

CLIENTE: CAFRO srl

LUOGO: LOMBARDIA (CO)

APPLICAZIONE: CIRCUITO DI RAFFREDDAMENTO

TRATTAMENTO ANTICORROSIVO E ANTIBATTERICO

Il cliente produce mole abrasive in stampi ad alta temperatura raffreddati ad acqua, il circuito di raffreddamento presenta notevoli problemi di corrosione dovute a correnti galvaniche innescate dai vari materiali utilizzati all’interno del circuito di raffreddamento, i filtri presenti a bordo macchini sono oggetto di continua manutenzione in quanto le scorie derivate dalla corrosione intasano i filtri mandando in blocco i macchinari intervallo manutenzione 15 giorni circa. Inoltre il circuito presenta problemi di sviluppo batterico ben visibili sui flussimetri del circuito di raffreddamento presenti a bordo macchina utensile.
A seguito dell’installazione del modello Hydropath Hydroflow I60 di seguito riportiamo i dati della prova industriale con i report di verifica:

REPORT INSTALLAZIONE
– Data installazione: 12/01/2016
– Responsabile di riferimento del Cliente: Responsabile manutenzione di Cafro srl che ha assistito all’installazione
– Punto installazione: Circuito raffreddamento macchine utensili tubazione mandata uscita pompa.
– Modello: Hydroflow I60
– Verificato corretta alimentazione apparecchio: visiva LED Verde Rosso acceso
– Verificato con oscilloscopio intensità segnale emessa dall’apparecchio verificato intensità segnale lato opposto circuito interessato. Entrambe le misurazioni sono risultate soddisfacenti.
– Campionature: acqua circuito, effettuato test batteri con slide per conta batterica totale, risultato a 36 ore: risultato vedi foto –

Contaminazione batterica valutabile in Medio/Alta

– Verifica visiva del circuito interessato: A bordo delle macchine utensili sui circuiti di raffreddamento, sono presenti dei flussimetri dove è ben evidente la contaminazione batterica e la formazione di biofouling. Alleghiamo fotografie del rilievo visivo dello stato iniziale:

REPORT 1° VERIFICA A 1 MESE DALL’INSTALLAZIONE
– Data verifica: 12/02/2016
– Responsabile di riferimento del Cliente: Responsabile manutenzione di Cafro srl che ha assistito alla verifica
– Punto installazione: Circuito raffreddamento macchine utensili tubazione mandata uscita pompa.
– Modello: Hydroflow I60
– Verificato corretta alimentazione apparecchio: visiva LED Verde Rosso acceso
– Verificato con oscilloscopio intensità segnale emessa dall’apparecchio: verificato intensità segnale lato opposto circuito interessato. Entrambe le misurazioni sono risultate soddisfacenti.
– Campionature: acqua circuito, effettuato test batteri con slide per conta batterica totale, risultato a 36 ore: risultato vedi foto –

Contaminazione batterica valutabile in Assente

– Verifica visiva del circuito interessato: A bordo delle macchine utensili sui circuiti di raffreddamento, sono presenti dei flussimetri che sono stati puliti in fase di installazione sistema Hydropath ed è ben evidente la pulizia del circuito, non è presente formazione di biofouling.

Allego fotografie del rilievo visivo del 12/02/16:

– Per quanto riguarda i flussimetri che non sono stati puliti in fase di installazione del sistema Hydropath si evidenzia che la parte sporca del flussimetro corrisponde a deposito di ossidi di ferro che precedentemente all’installazione di Hydropath erano presenti nel circuito per effetto corrosivo dell’acqua. La presenza di placche di biofouling solo in corrispondenza del maggior deposito di ossidi di ferro, è dovuta presumibilmente a batteri solfato riduttori che si sviluppano in assenza di ossigeno. I batteri una volta che si staccano dal flussimetro vengono disciolti in acqua e per presenza di ossigeno e comunque con il sistema Hydropath vengono distrutti, pertanto la carica batterica rimane praticamente nulla come evidenziato nel test batterico sopra riportato e le placche di batteri vengono eliminate del tutto nel tempo. Si consiglia di pulire i flussimetri in modo da eliminare fin da subito lo sviluppo di questi batteri, come peraltro evidenziato dalle immagini dei flussimetri puliti in fase di installazione.

Allego fotografie del rilievo visivo del 12/02/16:

REPORT 2° VERIFICA A 3 MESI DALL’INSTALLAZIONE
– Data verifica: 5/04/16
– Responsabile di riferimento del Cliente: Responsabile manutenzione di Cafro srl che ha assistito alla verifica
– Punto installazione: Circuito raffreddamento macchine utensili tubazione mandata uscita pompa.
– Modello: Hydroflow I60
– Verificato corretta alimentazione apparecchio: visiva LED Verde Rosso acceso
– Verificato con oscilloscopio intensità segnale emessa dall’apparecchio: verificato intensità segnale lato opposto circuito interessato. Entrambe le misurazioni sono risultate soddisfacenti.
– Campionature: acqua circuito, effettuato test batteri con slide per conta batterica totale, risultato a 36 ore: risultato vedi foto –

Contaminazione batterica valutabile in Assente

– Verifica visiva del circuito interessato: A bordo delle macchine utensili sui circuiti di raffreddamento, sono presenti dei flussimetri che sono stati puliti in fase di installazione sistema Hydropath ed è ben evidente la pulizia del circuito, non è presente formazione di biofouling.
Allego fotografie del rilievo visivo del 05/04/16:

– Per quanto riguarda i flussimetri che avevano presenza di ossidi di ferro, questi sono stati puliti dopo il ricevimento del report precedente, ad oggi risultano ancora perfettamente puliti.

Allego fotografie del rilievo visivo del 05/04/16:

RISULTATI

I filtri a bordo macchina che presentavano problemi di intasamento dopo 15 giorni dall’installazione di Hydropath non si sono più intasati e pertanto l’effetto corrivo è stato annullato dal sistema Hydropath. Visti i buoni risultati ottenuti nei tre mesi di installazione di Hydropath sul circuito di raffreddamento, il cliente ha deciso di installare i sistemi Hydropath anche sugli altri circuiti di raffreddamento. I costi di manutenzione si sono notevolmente ridotti.

Scarica qui il PDF di questa case history

Vuoi acquistare o ricevere maggiori informazioni sul prodotto?

Contattaci